COME SCENDERE DALLA PAURA DELL’AEREO

LA PAURA DELL’AEREO
Quella dell’aereo è una delle paure più diffuse, anche se per molti non così invalidante, dal momento che si possono comunque scegliere per le vacanze destinazioni raggiungibili via terra o via mare o qualora fossimo costretti, ad esempio dal lavoro a dover raggiungere mete lontane, potremmo farlo ricorrendo a mezzi di trasporto alternativi. E a nulla servono le statistiche che vedono come più sicuri i viaggi in aereo rispetto a quelli in auto, e i continui ragionamenti per autoconvincersi che in fondo non c’è nulla da temere, che l’aereo lo prendono tutti e che ogni giorno ne decollano e atterrano a centinaia di migliaia.

IMG_0162

TENTATA SOLUZIONE (1)
Quando c’è di mezzo la paura, la rassicurazione non funziona. La paura è un’emozione arcaica che non può essere frenata dalla ragione. La paura quando arriva arriva, e lo sanno bene coloro che ne vengono travolti. La ragione di fronte alla paura soccombe poiché va da sé che si inneschino tutti i meccanismi fisiologici involontari sollecitati da questa emozione.

TENTATA SOLUZIONE (2)
Così come non funziona continuare ad evitare l’aereo pensando che si possa tranquillamente farne a meno: evitare le situazioni spaventose, fuga dopo fuga, rende la situazione temuta una montagna insormontabile da scalare, sino a distruggere completamente il più minimo senso di fiducia nelle proprie capacità.

TENTATA SOLUZIONE (3)
Ancora più pericolosa per chi si trova a migliaia di metri di altezza,  tanto da generare un vero e proprio attacco di panico, è poi l’eccessiva attenzione su di sé e sulle proprie reazioni neurofisiologiche che prende avvio già ancor prima di allacciarsi le cinture di sicurezza e che continua ad aumentare non appena l’aereo comincia a prendere velocità ed arriva ad esplodere nel momento in cui le ruote si staccano da terra. Pensare di controllare queste reazioni, cercare di allontanarle da sé, di reprimerle le rende ancora più minacciose.

COSA FARE?
È stato messo a punto un intervento strategico efficace che si basa sul sovvertire ognuna di queste modalità disfunzionali di controllo attraverso prescrizioni specifiche che guidano la persona, in maniera del tutto suggestiva, a superare il problema. Utilizzando la peggiore fantasia, dove il paziente sperimenta che nel momento in cui è lui a ricercare volontariamente le reazioni fisiologiche provocate da questa emozione spaventosa, essa svanisce, si farà poi eseguire alla persona un rituale specifico da svolgere il giorno del viaggio così che già all’arrivo in aereoporto svolga una sequenza di  azioni che sposteranno l’attenzione da sè alla buona esecuzione della prescrizione.

Perchè il momento più pericoloso di un viaggio in aereo è quando ci si avvicina all’areoporto… Infatti, come diceva l’attore Milton Berle: “non viaggio mai in aereo. Il viaggio verso l’aeroporto mi fa venire il mal d’auto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...