DISTURBI SESSUALI: COME SALVARCI DALL’UFFICIO COMPLICAZIONI AFFARI SEMPLICI?

La natura umana è dotata di una perversa predisposizione a complicare le cose. Nel profondo di ognuno di noi si annida la spiacevole tendenza ad intricare piuttosto che districare le difficoltà, cercando ed applicando soluzioni che pur dimostratesi inefficaci, vengono mantenute o addirittura intensificate. Si passa così dalla difficoltà al problema, in virtù di quelle “tentate soluzioni” che spesso risultano peggiori del male stesso che intendevano risolvere.

disturbi-sessuali

Probabilmente anche a voi sarà capitato di trovarvi, almeno una volta nella vita, al cospetto di uno di quei funzionari di un ufficio inclini all’ingarbugliamento, propensi a rendere complicate perfino le pratiche più banali, dei quali si è soliti dire che lavorano all’”ufficio complicazioni affari semplici”. Allo stesso modo, anche per i disturbi sessuali possiamo trovare numerosi esempi di situazioni di difficoltà caratterizzate da un’incomprensibile sproporzione tra il problema e il modo con il quale si cerca di risolverlo. Modo che per molti versi assume nella reiterata e rigida ripetizione di soluzioni che non funzionano, caratteristiche ben più patologiche del problema stesso.

Ad esempio, un uomo che a seguito di una casuale défailance durante un rapporto sessuale, iniziasse a volersi mettere alla prova alla ricerca della dimostrazione della sua virilità, andrebbe incontro alla realizzazione della profezia che più teme, finendo per cadere nella trappola del “complicatore di affari semplici”. Infatti, proprio questo suo volersi mettere alla prova attiverebbe, ad ogni successivo rapporto sessuale, un’ansia tale da interferire inevitabilmente con i processi neurovegetativi implicati nel comportamento sessuale, provocandone la loro inibizione. Parafrasando Oscar Wilde potremmo dire che proprio con i migliori propositi quest’uomo sarebbe giunto ad ottenere i peggiori risultati.

Le “tentate soluzioni” di difficoltà della sfera sessuale, anche se razionali, logiche e di “buon senso”, sovente non funzionano proprio perché interferenze in comportamenti e funzioni non controllate o controllabili dalla volontà e dalla razionalità. Da questo punto di vista, infatti, il comportamento sessuale è paradigmatico: rappresenta la componente umana percepita come la più istintiva e meno controllabile ma che più di altre si desidera poter assoggettare a controllo.

È così che il nostro interno “complicatore di affari semplici” irrigidendosi nel tentativo di realizzare consapevolmente un comportamento automatico (o spontaneo) che per tale ragione non potrà essere volontarizzato, cade nella psico-trappola del “più di prima” o del “sempre e comunque” applicando la medesima soluzione disfunzionale anche quando questa si sia rivelata inefficace.

Sarà però confortante apprendere che per la risoluzione delle difficoltà sessuali, proprio in virtù di quanto appena asserito, non siano necessarie estenuanti terapie, ma potremmo salvarci dal nostro interno “ufficio complicazioni affari semplici” interrompendo le “tentate soluzioni” che mantengono il problema per lasciare esprimere la naturale inclinazione dell’individuo alla sessualità.

Per info sull’approcio di Terapia Breve Strategica ai disturbi sessuali scrivere a marco.pagliai@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...